mercoledì 24 ottobre 2012

VIAGGIO NELLA MEMORIA


La tecnica è l’acquerello puro, dove il cobalto da sempre presente in tutte le sue infinite varianti si sposa nell’ultima produzione con colori dai toni accesi e determinati. Compaiono l’ocra, il rosso ed il marrone che lasciano sempre e comunque spazio a graduali sfumature. 
I colori tracciati con segni netti e decisi, gesti veloci, determinazione e frenesia al limite dello spasmo sono elementi importanti per la lettura delle opere della nostra giovane Artista.
Nei suoi acquerelli Valeria Brunelli ci narra il suo mondo interiore fatto di travagli e piaceri, tristezza ed allegria, certezze e contraddizioni. Una stratificazione di sentimenti ed emozioni che incentrata su legami forti ed importanti, dà vita ad un racconto che affonda le sue radici in un passato assai remoto.
Valeria pediatra di professione, pittrice da sempre si racconta come un bimbo che vorrebbe essere adulto o forse come un adulto che continua ad alimentare le fantasie del passato.
I temi dominanti nell’ultima produzione artistica della Mostra sono le "fiabe" e le "montagne incantate". Soggetti questi apparentemente così distanti ma in realtà anelli di una stessa catena. Difatti non ci si potrebbe perdere nei sogni, se poi non si avesse la capacità/possibilità di tornare al reale.
Le favole, che narrano mondi magici, lontani, dove volare con la fantasia e la memoria, rappresentano il legame indissolubile tra adulto e bambino, legame insito in un abbraccio ideale, che se da un lato protegge, al contempo ci dona la forza ed il coraggio per arrivare alla conquista di vette impervie aspre, quasi irraggiungibili. Cime fredde, difficili, cui si giunge passando attraverso la nebbia ed affrontando pericolosi ed inaspettati ghiacciai. Vette che solo la tenacia e la determinazione possono farci conquistare, ponendoci di fronte al reale con le nostre forze e capacità.
Cielo e terra, fantastico e reale si fondono nel mistero dell’irraggiungibile, nello spazio in cui tutto si muove, nasce e svanisce.
Questa è Valeria Brunelli. Questa la sua "pittura". Un delicato assemblaggio di energia vitale, che ci trasporta in un turbinio di colori sotto la magica ala del cobalto.


Eleonora Fulli
Curatrice d’arte 

1 commento:

nella ha detto...

Verissimo, molto ben evidenziata questa artista...
Un delicato tratto dicolore!