venerdì 9 gennaio 2009

BRENTA

IL MARE DI NUBI
LAMPO 
Un paio di giorni fa, al termine di una lezione, ho incontrato un cucciolo impaurito, infreddolito ed affamato. L'ho avvicinato ma mi ringhiava. Allora ho comprato un panino e lo ha divorato. Dopo un paio d'ore il piccolo era ancora lì. Ho cercato di prenderlo per portarlo in paese ma non c'e' stato niente da fare. Allora ho parlato con Katia, una ragazza che lavora al bar e l'ho incaricata di accudire il cagnolino. Ieri mattina era ancora lì, in un angolino, solo e triste. Gli ho portato un po' di crocchette che ha divorato e poi, fortunatamente, siamo risaliti al padrone che poco dopo e' venuto a riprenderlo. Era magrissimo, deperito. Se n'era andato di casa da 8 giorni spaventato dai botti dell'ultimo dell'anno. Poi ho festeggiato per la lieta fine. 
Stamattina a Pinzolo il tempo sembrava bruttissimo ma a Pra' Rodont lo spettacolo era unico. Un incredibile mare di nubi poco sotto. Sono anche stato un po' con Brenta, la bellissima San Bernardo del rifugio. Con quei suoi occhioni dolci e tristi...

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Menomale povero Lampo!!!!
Quei maledetti botti!!!!
Una carezza da parte mia alla dolce Brenta che vive in un posto magnifico senza avere la possibilità di goderselo in compagnia di un padrone affettuoso!

Un abbraccio

Eva

Micaela De Girolamo ha detto...

avete notizie di brenta?