lunedì 2 giugno 2008

"CIAPIN", DANIELE CHIAPPA

Sono molto giu' oggi. Ho ricevuto una mail molto triste dal mio Amico Daniele Chiappa "Ciapin". Il Ciapin e' stato uno dei 4 Ragni di Lecco arrivato in vetta al Torre dalla parete ovest nel 1974. Aveva 22 anni allora. Siamo diventati amici da quando anche lui e' entrato nella polemica del Cerro Torre '59. Sei anni fa ha perso la moglie, otto mesi fa gli hanno tolto un rene e due mesi or sono anche un pezzo di polmone. Un paio di settimane si e' stato male in autostrada ma e' riuscito a fermarsi ed un motociclista l'ha soccorso e poi l'ambulanza l'ha portato d'urgenza in ospedale. L'ho sentito poco fa ed abbiamo pianto. Povero Ciapin. Mi ha detto che lui non molla ed ora continua a fare la chemioterapia. Mi ha detto che la corda a cui siamo legati ora e' molto sottile ma sembra che tenga. Ciao Daniele, tieni duro, tu lo sai fare.


5 commenti:

delfata ha detto...

salve signor daniele tenga duro non molli,la vita va vissuta fino in fondo anke fra la vita e la morte mi creda ogni istante ke passa l'ha conquistato un abbraccio daniele chiappa

Anonimo ha detto...

Ciao Daniele "Ciapin",sei andato avanti come sempre a farci la strada sicura.
Sto scrivendo con gli occhi umidi anche se so che in questo momento sei più contento di tutti noi perchè ti sei riunito con la tua cara moglie e hai ritrovato i tuoi compagni di cordata,il "Miro" e il Pino Negri.
Ciao Grande Uomo,Grande Alpinista e Grande Amico.
Ciao e stacci sempre vicino con la tua forza.
Gualtiero - Lecco

animaliforever ha detto...

Scusate ma sono stata sempre impegnatissima e ho saputo solo oggi della scomparsa di un Grande Alpinista,Uomo e Amico..continuo a piangere..

Ciao Daniele..sono stata felicissima di averTi conosciuto..avrei voluto farlo tantissime altre volte ma purtroppo non posso più adesso..
Ci manchi tantissimo!!!!!
Sei sempre nei nostri cuori..
un forte abbraccio Ale

Anonimo ha detto...

Ci chiamava affettuosamente "terùn" e ci voleva un bene dell'anima come noi ne volevamo a lui. Continueremo a volergliene per sempre. Sentiamo ancora le sue urla di affetto e spero che anche lui possa ascoltare tutti noi, sentire il nostro infinito affetto. Ciao Ciapin


Agostino

silvia ha detto...

Zione...sei sempre stato forte da uomo e da alpinista...sei la corda che ci unisce...sei l'abbraccio che ci fa forza,sei la tenerezza con la quale grattavi la tua barba sulla mia piccola guancia..sei la vita del tuo sguardo limpido con il quale guardavi tutto dall'alto,con il tuo sguardo e la tua anima accarezzavi le cime ,ora con il tuo sguardo e la tua anima accarezzi tutti noi....sei sempre in me...per sempre...ci unisce la
corda dell'eternita'...giada chiappa